Skip to content

Vigna Cec 2016

25 ottobre 2016

​Harvesting and then vinifying the fruit of Vigna Cec is always a great experience.


For me it’s the vineyard that, more than any other, expresses the highlights of the year, without ever exaggerating.  

I’d call it a wait-and-see vineyard that is worth waiting for; both at harvest-time and in the glass.

It is always the last #Nizza vineyard that we harvest because, despite enjoying south-easterly exposure, it is planted in cool soil (a sort of clay with lots of compact marl underneath), which guarantees the grapes stable acidity and gives the vines the chance to work constantly over a long period of time, with no stress.


It is one of our oldest vineyards.

It is one of the six mass selection vineyards, where we find numerous testimonies of the past, including Teinturier vines, #Barbera vines with tiny grapes, and some “Barbrón” vines, a type of Barbera with very big grapes.

All this biodiversity, together with wild grass coverage and no use of fertilisers, causes the concentration of the fruit and the “Barbera essence” in addition to naturally low yields.


This year, the yield was 10% less than in 2015, for several reasons: accentuated early dropping during flowering produced sparse bunches,  a dry summer limited the growth of the grapes, and a ripening period with no heavy rainfall led to a considerable concentration within the grape.

This is why, in addition to Neuvsent #Nizza Riserva, this vineyard too will be released as Nizza Riserva.


So we’ll be seeing you in at least five to six years.

#harvest16

Vendemmiare e poi vinificare i frutti della Vigna Cec è sempre una bella esperienza.

Per me è la vigna che più di altre esprime le caratteristiche salienti dell’annata ma senza sbilanciarsi troppo.

La definirei una vigna attendista e da attendere; sia nella vendemmia che nel bicchiere.

È sempre l’ultima vigna del #Nizza che raccogliamo perché, pur essendo esposta a sud-ovest è in un terreno fresco (una specie di argilla con tanta marna compatta sotto) che garantisce alle uve una acidità stabile e la possibilità alle piante di lavorare a lungo in modo continuativo senza stress.

È tra le nostre vigne più vecchie.

È una delle 6 vigne in selezione massale al cui interno si trovano molte testimonianze del passato compresi ceppi di Teinturier, ceppi di #Barbera con acini piccolissimi ed alcune viti di “Barbrón” una specie di Barbera con gli acini grandissimi.

Tutta questa biodiversità unita all’inerbimento spontaneo permanente e all’assenza di concimazioni, porta ad una concentrazione del frutto e dell'”essenza Barbera” al di là delle rese naturalmente basse.

Quest’anno -10% di resa rispetto al 2015 causato da diversi fattori: una cascola in fioritura più accentuata che ha prodotto grappoli spargoli, un’estate siccitosa che ha limitato l’accrescimento degli acini, ed un periodo di maturazione senza piogge copiose per cui si è avuta una notevole concentrazione all’interno dell’acino.

Ecco perché, oltre al Neuvsent #Nizza Riserva, anche questa vigna uscirà come Nizza Riserva.

Quindi appuntamento tra almeno 5-6 anni.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: