Vai al contenuto

Inerbimento, grass, cover crops.

23 agosto 2018

We often talk about grass, cover crops and soil management, cutting down only “weeds”, but how is it done and why?

Here at Cascina Garitina, we began this type of soil management in 1995, in order to fight erosion, which continues to be the main reason for this choice here in the hills, along with the decision not to use gliphosate and other chemical crap.
Another reason is that, in a rainy year, wild grass can help absorb the excess water, while in a dry year, cutting it down and using it as green manure helps to mulch the soil, trapping in moisture and preventing evaporation.
Grass also gives us a better load-bearing capacity when we have to go into the vineyard, in an emergency for example.
Lastly, a vineyard rich in biodiversity and full of life helps both us and the plants to live better and to keep the landscape and terroir whole and unspoiled.
As far as I’m concerned, the use of herbicides in the vineyard should be considered not only in terms of human and animal health, both of which are extremely important, but also from the point of view expressed by Maurizio Gily: “Plants restore nutrients to the soil through the secretion of root exudates, releasing about 30% of the photosynthetates, which keep the life cycles of the soil, its microbiology and the underground food chain working properly. What are the long-term effects of the interruption of this cycle and the emission of toxins on the life of the soil and consequently of plants? There’s a whole world down there, a world of outstandng wealth and complexity, and we’re only just beginning to understand a little bit about it.”
And then of course, if we don’t interfere too much with the soil, we lose fewer nutrients due to flushing.

Parliamo spesso di inerbimento, di cover crop e di gestione del suolo attraverso il solo sfalcio delle erbe “festanti” spontanee ma perché si fa e con quali scopi?
Noi in Cascina Garitina iniziammo nel 1995 con questa gestione del suolo per contrastare l’erosione che, ancora adesso in collina, è il motivo principale della scelta oltre a non usare gliphosate o altre porcate chimiche.
Un altro motivo è che, in una annata piovosa, le erbe spontanee ti aiutano a calmierare l’eccesso di acqua mentre, in una annata secca, il loro sfalcio o sovescio aiuta a pacciamare il suolo limitando l’evapotraspirazione.
Poi con l’erba hai maggiore portanza per poter entrare in vigna anche durante una emergenza.
Infine avere un vigneto ricco di biodiversità e vivo aiuta le piante e noi a vivere meglio ed a conservare integro e vero un paesaggio ed il territorio.
Per me la questione diserbo in vigneto va vista non solo sotto il profilo della salute umana e degli animali, aspetto molto importante, ma soprattutto attraverso le parole del Dott. Maurizio Gily: “Le piante restituiscono nutrienti al suolo attraverso gli essudati radicali per circa il 30% dei fotosintetati, il che tiene in funzione i cicli vitali del suolo, la sua microbiologia e la catena alimentare sotterranea. L’interruzione di questo ciclo e l’emissione di tossine alla lunga che effetti ha sulla vita del suolo, e quindi anche delle piante? C’è tutto un mondo lì sotto, di straordinaria ricchezza e complessità, e cominciamo appena ora a capirci qualcosa.”
Inoltre, non lavorando il terreno, avremo meno perdite di sostanze nutritive per dilavamento.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: