Skip to content

Niades 2016 colour

2 febbraio 2017


2016 really was an abnormal year, in the best possible way.

I don’t know if I can show you the real colour of my Niades 2016, which is characterised by a shade I haven’t seen before.

Could it be the quality of the anthocyanins?

Perhaps it’s the quantity of the tannins and their polymerisation?

Maybe the total acidity?

Sugars?

Structure?

Of course, everything affects the colour of this wine, which is usually not quite so intense, but has different shades and brightness.

Niades 2016 is more compact, right from the rim, with a bright purple note that colours the classic old rose of Brachetto.

The originality continues in the nose, veering decidedly towards wild strawberries and raspberries, which overshadow the dog rose scent of past harvests.

I don’t usually write like this about our wines, but this one has amazed us since we racked it, when we really knew that we were vinifying something out of the ordinary.

PS: it’s even more beautiful when you get up close.

Il 2016 è stata davvero una annata anomala in senso buono.
Non so se riesco a farvi vedere il reale colore del Niades 2016 che ha un colore e soprattutto una tonalità che non avevo ancora visto.
Qualità degli antociani?

Quantità dei tannini e loro polimerizzazione?

Acidità totale?

Zuccheri?

Struttura?
Certamente tutto incide sul colore di questo vino che di solito è si più scarso ma con tonalità e brillantezza diversi.

Il Niades 2016 è più compatto sin dall’unghia con una nota viola brillante che colora il classico rosa antico del Brachetto.

Al naso l’originalità continua perché si va decisamente verso la fragolina di bosco, il lampone e meno rosa canina di altre vendemmie.

Normalmente non scrivo cosi dei nostri vini ma questo ci ha stupiti sin dalla svinatura che ci confermava di vinificare qualcosa di insolito.
Ps dal vivo è ancora piu bello.

Torchiatura vinacce Barbera passita.

9 gennaio 2017

Torchiatura vinacce di Rugiada 2016 #barbera, alla vecchia maniera!

Ripasso con Barbera 2016 

7 gennaio 2017

See the video for know more about “ripasso” #Barbera 


I already tried this last year, with the 2015  harvest and, once again, I’m using the “Ripasso” technique to fully exhaust the super Rugiada 2016 marc. The same amount of wine drawn off previously is poured over the hot marc. I’m using some Bricco Garitta 2016 because it comes from the same vineyard. 15 days and it”ll be ready for pressing.
Come già provato l’anno scorso con la vendemmia 2015, riprovo ad utilizzare la tecnica del Ripasso per esaurire maggiormente le super vinacce del Rugiada 2016. 

Si mette, sulle vinacce ancora calde, la stessa quantità di vino precedentemente svinato.

Utilizzo un po’ di Bricco Garitta 2016 perché arriva dalla stessa vigna.

15 gg e poi si pressa.

Rugiada 2016 

6 gennaio 2017


After more than four weeks’ maceration, today we racked our Rugiada 2016 Passito di Barbera. The news isn’t great because, as I’d already realised when crushing the grapes, the yield in wine has been very low, as it has for all the 2016 wines. Smaller berries, thicker skin and 72 days of withering, to achieve a concentration of 497 grams of sugar per litre. Now (according to fermentative estimates because the laboratories are closed for the holidays) the alcohol content of the wine is at least 14%, with acidity around 10.80, balancing the approximately 230-240 g/l of residual sugars. And that’s fine as far as I’m concerned. A few weeks in steel tanks to allow the larger lees to settle and then it will be transferred to wooden barrels called “sigari” (cigars), with a capacity of approximately 110 litres. Very small barrels are preferred because this Passito is highly concentrated and will be needing extra oxygen in the months ahead. It’ going to spend about three years there (at least that’s the forecast right now, but we’ll see). It will be interesting to see what happens with a few barrels that I’m going to be testing, hermetically sealing them and leaving them shut tight for three years (the same technique used for the production of Tuscan Vin Santo), to try out ageing in a container that isn’t full to the brim, in an environment which allows greater than usual oxidation.

Dopo oltre 4 settimane di macerazione, oggi abbiamo svinato il Rugiada 2016 passito di Barbera.

Le notizie sono poco confortanti perchè, come avevo già notato durante la pigiatura, la resa in vino è risultata molto bassa come per tutti i vini targati 2016.

Acini più piccoli, buccia più spesso ed una appassimento di 72 giorni per arrivare ad una concentrazione di 497 grammi di zucchero per litro.

Ora il vino è almeno (stime fermentative perché i laboratori sono chiusi per ferie) sui 14 di alcool con una acidità intorno ai 10.80 che vanno a bilanciare i circa 230-240 g/l di zuccheri residui.

Mi va bene cosi come equilibrio.

Qualche settimana in vasca d’acciaio per decantare la feccia più grossolana e poi verrà travasato in botti di legno chiamati ‘sigari’ della capacità di circa 110 litri.

Si opta per un legno molto piccolo perché il passito ha una concentrazione esagerata ed ha bisogno di ossigeno supplementare nei prossimi mesi.

Starà li per circa 3 anni. (Queste le previsioni poi vedremo)

Racking-travaso.

21 dicembre 2016


Cold and icy on the #Nizza hills, but we’re keeping nice and warm in the cellar, carrying out one of the most typical winemaking operations: racking.

As you can see in the video, the clear wine runs from the tank, leaving the  lees, made up of the heavier solid parts of the wine, on the bottom.

A natural clarification has taken place in the tank, thanks to the fact that this wine is organically stable, meaning that it has exhausted both its alcoholic and malo-lactic fermentation.

Freddo e gelo sulle colline del #Nizza e noi ci rifugiamo in cantina per fare una delle operazioni piu classiche della vinificazione: il travaso.

Come si vede nel video, il vino limpido defluisce dal serbatoio lasciando sul fondo la feccia che è costituita da parti solide piu  pesanti del vino.

Nella vasca è avvenuto un illimpidimento naturale grazie al fatto che questo vino è biologicamente stabile, cioè ha esaurito sia la fermentazione alcolica che quella malolattica.

Snow or fioca.

19 dicembre 2016

​We’re expecting 50-60 cm of snow and are getting on with the job here.

Snow, which we call  ‘fioca’ in local dialect, is a real blessing from heaven and it is just as important now as it was in the past for the Israelites fleeing from slavery in Egypt: life and survival.

As the snow melts, it regenerates the water reserves in the ground and on the surface water tables.

Snow amplifies the effect of winter, preventing the temperature from heating up  and so increasing the difference between daytime and night time temperatures.

Snow reminds us of our youth and how wonderful it is to live in the #Unesco hills, where there is such a big difference between the seasons.

Snow also reminds us that another year has gone by and that we have to weigh up what we’ve achieved and what we haven’t.
Previsti 50-60 cm, qui ci si porta avanti con i lavori.

La neve, detta ‘fioca’ in dialetto, è una vera e propria manna ed ha la stessa importanza del passato per gli Israeliti in fuga dalla schiavitù d’Egitto: vita e sopravvivenza.

-la neve sciogliendosi rigenera le scorte idriche del terreno e delle falde acquifere superficiali.

-la neve amplifica l’effetto dell’inverno impedendo il riscaldamento giornaliero per irraggiamento e quindi aumenta l’escursione termica giorno-notte.

-la neve ci ricorda la nostra giovinezza e quanto è bello vivere nelle colline #Unesco dove cosi netta è l’alternanza delle stagioni.

-la neve ci ricorda che un altro anno è passato e che dobbiamo tirarne le somme.

Barbera and Nizza tasting from barrel

9 dicembre 2016

​We’re tasting the 2015 Barbera that have been ageing in wood for over 11 months. 2015 was a fantastic year and it gave us very concentrated wines high in polyphenols, and this means that we need to rack them to put them in clean wood and supply them with extra oxygen. This is the work we’ll be doing between Christmas and New Year, which is the perfect time for certain operations in the cellar, because there are fewer visitors and tastings.


Si assaggiano le Barbera 2015 che stanno affinando in legno da oltre 11 mesi. Siccome l’annata 2015 è stata strepitosa e ci ha regalato vini molto concentrati e molto dotati di polifenoli, bisognerà travasarli per ‘metterli sul pulito’ e fornire con il travaso dell’ossigeno supplementare. Ecco il lavoro da organizzare tra Natale e Capodanno periodo perfetto per certe operazioni di cantina perché piu tranquillo nelle visite in azienda e nelle degustazioni.